‘Le biblioteche per l’Agenda 2030’ sarà il tema della prossima giornata nazionale delle
Biblioteche, che si svolgerà dal 27 settembre al 3 ottobre 2021.
L’emergenza e la necessità di adottare stili di vita consapevolmente rispettosi della Terra hanno
indotto le biblioteche a partecipare al ‘Festival dello sviluppo sostenibile’, un progetto globale al
quale sono stati chiamati tutti i Paesi senza distinzione alcuna, promosso dall’ASviS (Alleanza
italiana per lo sviluppo sostenibile).
Il Bibliopride, giunto alla sua X edizione, continua a promuovere la lettura con una serie di
iniziative che ricordano la pienezza di questa buona pratica; la lettura rappresenta lo strumento
indispensabile per comprendere la realtà e se stessi, come ribadito anche dalle” Nuove Indicazioni
Nazionali”. «Non leggere significa perdere il contatto non solo» con la civiltà testimoniata da un
autore, «ma anche con ciò che l’ha preceduto e con ciò che è venuto dopo».
L’invito rivolto a tutti è far diventare le biblioteche scolastiche, come suggerisce il Ministero
dell'Istruzione, dei “laboratori per coltivare e implementare conoscenze, saperi, attitudini e abilità
trasversali, utilizzando nuove metodologie didattiche, per formare e sviluppare le competenze
chiave dell’apprendimento permanente.

Come l’anno scolastico precedente, ricordo, a chi volesse «scegliere un libro e adottarlo,
impegnandosi a conservarlo per sempre, a mantenerlo vivo», che può navigare nella rete virtuale
delle Biblioteche italiane o di tutto il mondo o, se si trova a Cefalù, prenderlo in prestito recandosi
nella Biblioteca del Liceo, del Seminario diocesano, del Museo ‘Mandralisca’ o del Comune, o, più
arditamente, acquistarlo nella libreria Misuraca o nella cartolibreria Tutti in … riga.

Prof.ssa Anna MC D'Arrigo